requiem

Muoio mentre
il vento corre
sulle risaie,
i piedi infangati di fuliggine.
E’ l’alba,
delle corse selvagge
è l’alba
dei respiri,
un vagito di bue
nero, semmai chiazzato
è lì,
proprio in fondo all’arena.
Aspetta matador
le rondini se ne vanno,
il pubblico sparisce,
per chi si muore?

*(Da questo post in poi, inizio a collaborare al blog Parole, immagini, gesti con Apolide. Il mio nick sarà lamia82.

Greta Cipriani)*

Annunci

, , , ,

  1. Lascia un commento

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: