svogliata gravità

Il cuore
è un albergo solitario
di pioppi equidistanti
fiamme
non ancora stuprate
motori indescrivibili
vedo
gli oggetti e il loro compiersi
gli oggetti e il loro rincorrersi
quando
se mai accadrà
la notte al mezzogiorno
mistero
inferocito dalla nebbia
vedo
le frasi della nebbia
e con dissoluta calma
mi chiedo
se ho la forza
per tuffarmi nei confini
nei fianchi duri e scoscesi
come pini di vergine
nella linfa di un’idea
chiara e concentrica
come gli anelli della corteccia
vedo
numeri come alberi
la simmetria
della mia indolenza
la luce e la tenebra dei vigneti
i pampini riposati
e la svogliata gravità


Annunci

, , , , ,

  1. #1 di apolide il 12 dicembre 2007 - 09:13

    Ricca -come sempre- di sensi “forti”. Ciclica e sincopata. Il dire procede a strappi, con rotorni, rimandi, successive approssimazioni, come a voler sottolineare che l’esperienza umanan non può essere ricondotta a un processo lineare, ma è costituita da un raffinare, ritornare sui propri passi, definire meglio, col passare del tempo. La musicalità del verso è tutta tua… E’ recente?

    Apolide

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: