onirica

rosa-di-rugiada

chi sarai,
e su quale parte
di questo sbrecciato
muro del reale,
è dipinta
la tua storia
oppure dove
bisogna scavarlo
il tuo passato,
come d’ere geologiche
come di strati
sovrapposti
in carte da parati
sì, su quel  muro
in quella sala vuota,
in quell’onirico palco
dalla finestra,
lama di luce
e un tavolo,
sopra di esso, fogli,
di memoria impolverata
e ancora, un vaso,
anse curve, carezze
il contenente,
il contenuto,
e il paradosso
della rosa di velluto
appena colta,
umida di rugiada

Annunci

, , , , ,

  1. #1 di Maggie il 21 febbraio 2009 - 07:04

    Chissà a chi è dedicata questa poesia, chissà chi è la rosa di rugiada in quel posto dimenticato…

    Maggie

  2. #2 di apolide il 21 febbraio 2009 - 07:06

    E’ un piccolo segreto. E’ bello lasciare nell’incognito alcune persone che per noi sono importanti, è una forma di rispetto e di considerazione, per me…

    Adonai

    Apolide

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: