L’Aquila, terremoto, Aprile 2009 – 2

terremoto abruzzo l'aquila 6 aprile 2009 faglia di onna

Una ferita
un lungo taglio
nella terra
uno strappo profondo
nell’anima
del tuo luogo

Questa la fonte
di ogni sofferenza
questo l’inizio,
il pianto
del sei aprile duemilanove

Tante vite spezzate
e la caparbia volontà
di essere ancora

Annunci

, , , , , , , , ,

  1. #1 di raimondo il 19 aprile 2009 - 11:30

    greta,
    non ho più il tuo numero , vorrei mettermi in contatto con te
    raimondo

  2. #2 di raimondo il 19 aprile 2009 - 11:31

  3. #3 di sentoniente il 29 aprile 2009 - 08:30

    Vi fu un gran terremoto
    E buttò a terra la parete.
    Allora ho chiesto: maestro
    dove sono gli studenti?

    Se li hai portati via tu,
    Dimmi dove li hai posti.
    Ma quello ha risposto
    Non sono qui, sono risorti.
    (c)
    Un tentativo di fermare sulla pagina le mille coincidenze di questo dramma: i funerali celebrati di Venerdì Santo, la Pasqua incombente, le vittime giovani. E Dio dov’era? Io ho incontrato Dio a L’Aquila e gli ho fatto questa domanda

  4. #4 di apolide il 29 aprile 2009 - 14:01

    Ho cercato il Signore
    tra chi scruta il reale
    tra chi cerca
    di indagare
    il senso delle cose
    tra chi dona fiducia
    infinita alla scienza
    e non l’ho trovato

    Ho cercato il Signore
    nelle stanze dorate
    in atri lucidi e ricchi
    in posti felici
    in tavole imbandite
    in luoghi abbelliti
    da fasti
    ha frugato il mio sguardo
    e non l’ha trovato

    Ho cercato il Signore
    tra i poveri, gli ultimi
    tra chi soffre
    chi è ai margini
    oppure è incompreso
    e un Angelo
    dai piedi nudi, sporchi
    di polvere
    mi ha mostrato
    una porta
    in un luogo
    dimenticato
    e sfuggito da tutti

    Quando ho aperto la porta
    una Luce infinita
    mi ha investito

    Oltre quella soglia
    di dolore
    di sofferenza
    di alienazione
    ho trovato il Signore

    *PS ne ho tratto un poemetto, ma a questa versione originale ho fatto solo una piccola limatura e corretto un refuso. E’ come mi è venuta, di getto.*

    Adonai
    Apo

  5. #5 di apolide il 30 aprile 2009 - 05:56

    Colgo l’occasione per invitare CHIUNQUE possa dare una mano, dopo questi momenti di esaltazione mediatica a farsi vivo, a non dimenticare. L’inverno a L’aquila è freddo, e tutti possiamo essere utili.

    A tale scopo fornisco il sito del Centro coordinamento volontari dell’Abruzzo, il CSV : Lì ci si può iscrivere, lasciando i propri dati. Fatelo in molti, c’è bisogno di voi.

    Apo

  6. #6 di paola il 1 maggio 2009 - 21:55

    E’ un’aquila ferita il mio popolo antico
    d’improvviso tristemente compianto.
    Non aria di festa per le feste di maggio
    non bande musicali nei paesi sgretolati
    per le strade di pietra
    solo il pianto per l’aquila ferita

  7. #7 di apolide il 11 maggio 2009 - 16:56

    Sì, è ferita
    la fiera Aquila
    ma si rialzerà
    sorgerà dalle macerie
    più splendida di prima

    Apo

  8. #8 di Angelo il 3 giugno 2009 - 17:31

    Non temere
    oh Aquila ferita
    sento già il canto
    della curva Nord

    Oh Aquila
    non temere
    il principe azzurrognolo
    è sulla tua strada

    con vigoria e fato stenderà
    le tele dell’ultimo amore
    si sente già l’odore
    dei fiori soavi prossimi a venire!!!

  9. #9 di apolide il 5 giugno 2009 - 19:38

    🙂

    Apo

  10. #10 di Antonio Rosettini il 11 giugno 2009 - 21:32

    Poesia dedicata alle vittime del sisma

    Quella notte il tempo si fermato,
    lorologio crollato e tutto quanto cambiato.
    Una crepa nel muro, un botto nel cuore.
    Per tutti un terrore, un enorme dolore
    ma altri son morti e non se ne sono accorti.
    La terra ruggisce e tutto finisce,
    cera una chiesa, cera una scuola
    e non c pi neanche l aiuola.
    Pianger non sai, pianger non puoi
    ora che nulla come vuoi.
    Bella era la tua citt,
    anche se tutti vedono ora con aria funesta sol quel che resta.
    La mente vuol capire, perch a s non sa mentire,
    se prima qualcosa si poteva percepire.
    Ricordi la sera che le luci vedesti e agli UFO credesti?
    Ricordi i lombrichi strisciare ed invano scappare?
    Ma allora dai Boschi con foglie argentate un urlo sal:
    oib oib, il sisma preveder non si pu!.
    Ma qualcuno rispose con voce forse non vera:
    col radon si pu!.
    Quella notte tornammo a dormire
    ma per qualcuno signific morire.
    La nostra citt risorger se Loro mai non scorder.

  11. #11 di apolide il 14 giugno 2009 - 20:05

    @antonio: e ben venga anche il tuo intervento poetico…

    Apo

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: