Articoli con tag consumo

haiku dell’hacker (pumper)

smettila ora
di pingarti la home
(IP spoofato)

Annunci

, , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

6 commenti

la numerizzazione del vissuto

la numerizzazione del vissuto
diventa un flusso impersonale
l’immaginario prende maggior peso
del reale, il contatto psicofisico è negato
nel sempre più evanescente dominio
del simulacro mediale, dell’interfaccia che conta i click
e ci depriva degli odori, sniffa informazioni
per costituire nuove nicchie di mercato
e livellare la standardizzazione di coscienze

La deviazione standard deve essere contenuta
e limitata, in un modello 80/20 per garantire
produttività e consumi adeguati a sostenere
l’erosione delle risorse di sistema
d’altronde in un habitat, avendo il dominio e il
controllo delle sue variabili fondamentali
premi il gas a fondo di barile
accelera tutte le dinamiche atmosferiche
consuma ogni risorsa
(la crescita deve essere infinita)
brucia ogni cosa che ti dà energia
immetti in-evitabili rifiuti
sfrutta e poi discarica
nel flusso impersonale, le feci economiche
di cui devi disfarti in fretta
fai circolare il feticcio vitalizio
impersonando media monodirezionali

O sfuggire, nella rete, ciò che è possibile
per stabilire un contatto multiplo in full duplex
comporre connessioni metaneurali
confrontare, sommare le esperienze comuni
esaminare il lavoro di chi percorre
il tuo stesso cammino, chiedere pareri non
prezzolati, l’autore ha diritto di essere un
uomo comune, i libri fuori stampe sono di tutti
la produzione del sapere deve essere libera
e illimitata come la sua fruizione
poi sceglieranno la versione dominante
fà parte delle regole del giogo
economico allargato
mediatico interattivo
emozionale dissolto che seguirà
i sentimenti veloci e digitali
superficiali e freddi

, , , , , , , , , ,

4 commenti

IO.hum 0.3, beta (IV)

E’ necessario studiare i grafi sottesi agli eventi
di ordine maggiore. Variabilità estreme, secondo
certi parametri e mescolare umori colmi di essenze digitali
meglio le ghiandole, hanno una seconda vita a corto raggio
ma la poesia non ha odore, non è animale, è un distillare
sublimato di gocce d’io e ognuno esprime il set valoriale
di default, e cerca viralmente di diffonderlo, inseminando
il settore di reale che gli compete di varianze geniche del ceppo
del metalinguaggio. Ricordati di tenere sotto controllo tutte le incognite
e anche le costanti cosmologiche, possono evolvere verso
un’interpolazione ipercartesiana degli eventi base
e invece osservare soglie di rischio, gli eventi di sistema psicosociali
riceveranno delle accelerazioni climatiche, è inevitabile
fà parte delle leggi dell’energia, non se ne può sfuggire
e costruire un’identità credibile, dipingere allo specchio
un discorso etico, non soltanto etologico, ma ricordare
il rumore di fondo delle origini, per non essere cellula neoplastica
dell’organismo, mutante negativo di una nicchia di ecosistema
il modello di consumo incrementale di risorse non ha futuro
appetibile, non sei un punto di riferimento standard, sei deviante
non rispondi a nessuno dei nostri profili-base di acquirenti
non sei conforme, non sei adeguato per ricoprire quella posizione
non segui il ritmo imposto, non pensi quello che vogliono tu pensi
i numeri con dopo molti zeri pesano di più, nel condizionare
essere onirici e mettere la pietra, nel campo pertinente
e lasciare un’effimera traccia di energie positive verso il bilancio
ma tanto non importerà, ritarderà solo un istante l’inizio del ciclo successivo

_______________________________________

Link:

IO.hum 0.3, beta (II)

IO.hum 0.3, beta (III)

, , , , , , , , , , , , ,

6 commenti

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: