Archivio per la categoria poesia

Lo specchio del mattino

Caro/a lettore/rice, Parole e Immagini diventa ArtePoesia, e si sposta su un altro dominio.  Questo canale, attraverso il quale ti inviamo i nuovi post, sarà sostituito da una nuova newsletter entro alcuni giorni. Per continuare a seguirci, è necessario sottoscrivere il nuovo servizio. Ti ringraziamo per il gradimento che hai mostrato ai nostri contenuti, e siamo certi che continuerai a leggerci: nel nuovo blog  troverai tutti i vecchi post, con una novità: nuovi autori si sono aggiunti ad Apolide, Lamia e Infinitylive. Iscrivendoti alla nuova mailing list continuerai a ricevere giornalment gli aforismi, le poesie, gli articoli di critica e le recensioni pubblicati dallo staff autori. 

Sottoscrivi la nostra nuova newsletter per continuare a seguirci.
Se preferisci seguirci con un lettore di feed, questo è il nuovo indirizzo.

Apolide
www.artepoesia.net
_____________________________________________________________

Limpida come acqua alla sorgente,
l’idea è un affresco nel cuore,
è ancora un quadro inseparabile.

Da te
e con te,
naque la mia espressione,
la mia poesia.

In quelle notti affacciate al molo,
dietro le scie dei pescherecci,
tua era la traccia del pensiero,
l’orizzonte,
lo spettacolo della mente,
un orologio senza tempo,
il disegno negli occhi.

Nessun rumore a quest’ora del mattino,
fuori c’è nebbia
e ancor nulla si muove in questo piccolo paese di provincia,
rileggo da cima a fondo e,

mi rispecchio in te.

[Alessio Carlini]

,

Lascia un commento

il vero valore delle cose – aforisma

Molte,  tra le cose che rendono la nostra vita degna di essere vissuta, non hanno alcun valore materiale. Per questo, un semplice sorriso, regalato per strada a uno sconosciuto, non ha prezzo.

 

[Apolide]

, , , ,

Lascia un commento

aria di bruma

aria di bruma
latte che riveste
l’epidermide del mondo
mattina ancora onirica
e luce fioca
irreale, per un giorno
da iniziare
ma il mondo gira
anche senza noi

aria di bruma
strade poco abitate
un caffé di fretta
e parole aliene
alle bocche
nomi non uditi
masticati, ai denti
gialli di fumo
lunghi rettifili
e poche intersezioni
rivelano reticoli
a larghe maglie

aria di bruma
che si dissipa
col giovane mattino
che fuga il buio
lenta_mente,
si sveglia la città
evapora, la nebbia
come anima che lascia
un corpo esanime
e conquista finalmente
il cielo

, , , , , ,

Lascia un commento

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: