Il rapporto tra tecnologia e arte (5) – Gli Oscillons di Ben Laposky e l’arte “elettronica”

* Indice di tutti gli articoli su Arte e tecnologia in questo blog: qui *

oscillons ben laposky

Alcuni degli Oscillons di Ben Laposky

Mentre in Europa nascevano le esperienze spazialiste, in USA un matematico artista avviava le prime sperimentazioni di arte elettronica. Si tratta di Ben Laposky.

Questo precursore della computer art utilizza un oscilloscopio analogico e manipola, grazie alla sua grande abilità nel programmarlo, il fascio di elettroni del tubo catodico al fine di impressionare una pellicola. Le riprese vengono  effettuate con pellicole molto sensibili e con l’ausilio di lenti e filtri colorati.

I suoi lavori sono notevoli, considerando il periodo in cui sono stati generati ed è indubbia la sua influenza in molti artisti moderni che si occupano di computing-art.

La maggior parte delle macchine d’informazione, inclusa la televisione, il telefono, ed il videoregistratore, emettono informazioni che imitano o sono analoghe ad una forma d’onda presente in molti fenomeni naturali.
Così nei sistemi analogici, il dato numerico è rappresentato da analoghe magnitudini fisiche, o segnali elettrici, che producono un’onda continua.

Le immagini di Laposky simboleggiano questa relazione ma il lato nascosto della loro elegante semplicità è l’estrema ingegnosità tecnica nel programmare i sistemi analogici. L’immagine prodotta oggi al computer è creata quasi esclusivamente con macchine digitali che trattano i dati nella forma di cifre binarie distinte offrendo un migliore controllo ed effetti più facili da riprodurre.
Le Oscillons sono state definite creazioni d’arte astratta, le prime ad essere esibite e pubblicate in America e all’estero (contando 216 esibizioni e 160 pubblicazioni a partire dal 1952).

Dice Laposky, parlando dei suoi lavori:

Sono arrivato alla “oscillographic art” attraverso un interesse duraturo nell’arte e nel disegno derivante dalla matematica e dalla fisica. Ho lavorato con il disegno geometrico, le curve algebriche e analitiche e così via. L’oscilloscopio mi sembrò il mezzo con cui ottenere nuove forme artistiche non ottenibili con i mezzi precedenti”.

Sono piuttosto chiari, nelle sue opere, i riferimenti alla pittura astratta e alle ricerche delle avanguardie storiche. Lo stesso Laposky, dichiarando la sua poetica, suggerisce uno stretto collegamento tra i suoi lavori e la musica, in quanto entrambi sono generati da forme d’onda. Potremmo parlare, quindi, di musica “congelata”.

Un’ultima riflessione, su questo singolare artista tecnologico: oggi, per realizzare immagini digitali, con l’aiuto di un computer, bastano una macchina domestica e un programma di grafica; con un pizzico di fantasia e pochi tocchi di mouse, il calcolatore fa’ -quasi- tutto il lavoro, con risultati spesso notevoli, e con pochissimo sforzo.

Laposky, per realizzare queste semplici ma belle immagini, passava molte ore di fronte all’oscilloscopio, e percorreva questa via pionieristica dell’arte più di cinquanta anni fa…

Annunci

, , , , , , , , , , , ,

  1. #1 di alberto il 3 ottobre 2008 - 22:46

    Affascinanti, mi interessano moltissimo. Sai mica se c’è qualche libro?

  2. #2 di apolide il 4 ottobre 2008 - 18:26

    Alberto, di libri che accennano a Laposky potrei segnalartene diversi, ma ti suggerisco di cercare sul web.
    Questo è un indirizzo che potrebbe essere buono. Ad ogni modo la pagina madre di questa che ti indico, su wikiartpedia è un’ottima fonte, soprattutto per l’arte unpo’ più “di tendenza”.

    ciao, grazie dell’attenzione che dedichi alle mie pagine…

    Apo

  3. #3 di Pilia Emmanuele il 4 ottobre 2008 - 23:06

    Carissimo! Di Laposky è sempre bene ricordare come uno dei padri dell’arte digitale, dato che viene quasi mai citato… Ciò sembra un peccato molto grave! QUindi un applauso al tuo post!

  4. #4 di alberto il 4 ottobre 2008 - 23:12

    Grazie mille per l’indicazione.

  5. #5 di apolide il 5 ottobre 2008 - 09:56

    @ Emma: sì, un precursore del digitale, ma ricordiamo che Laposky usava solo strumenti analogici, quindi ben più difficili da programmare…

    @ Alberto: mi viene adesso in mente, sempre su wikiartpedia, la pagina dedicata a Laposky, questa, in cui si fa’ menzione del suo libro del 53, “Electronic abstractions”, in cui l’artista descrive i suoi lavori; è un testo in inglese. Ho provato a vedere se esisteva nel nostro catalogo unico bibliotecario, ma mi pare assente.

    ciao

    Apo

  1. Il rapporto tra tecnologia e arte (4) – Lo spazialismo di Fontana « Parole e immagini
  2. Il rapporto tra tecnologia e arte (6) – Nam June Paik e la nascita della video-arte « Parole e immagini
  3. Il rapporto tra tecnologia e arte (I) « Parole e immagini

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: